Archivio: Comunicati stampa

Pietra di inciampo in ricordo dell’ulivo piantumato il 2015

3 luglio 2019, piazza Paradiso, Molfetta

Mercoledì 3 luglio alle 18.30 l’appuntamento proposto a Molfetta dal presidio di LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie per tenere alta l’attenzione su un luogo e un quartiere variegato che necessita di attenzione e cura da parte di cittadini e istituzioni

Scrivere per il web, scrivere per la carta. Terzo laboratorio per animatori della comunicazione

Sabato 23 febbraio, ore 16-19 Seminario vescovile

Terzo appuntamento annuale del laboratorio diocesano per Animatori della Comunicazione e della Cultura, promosso dall’Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali. Come scrivere per il web? Come scrivere per la carta stampata?

Fake news e giornalismo di pace. Terza settimana della comunicazione in diocesi

9-12-13 maggio 2018 (l'evento del 9 riconosciuto dall'Ordine dei Giornalisti)

Fake news: con questa espressione ci si riferisce dunque a informazioni infondate, basate su dati inesistenti o distorti e mirate a ingannare e persino a manipolare il lettore. Ne parliamo a Terlizzi in vista della giornata delle Comunicazioni e del Luce e Vita

Cieli nuovi e terre nuove: una call nazionale di buone prassi sulle orme di don Tonino

Disponibile il modulo on line

Con questa call vogliamo raccogliere e far conoscere le buone prassi che danno risonanza a quanti in forma di gruppo stanno disseminando e moltiplicando l’insegnamento di don Tonino Bello.

Ricordo di don Mimmo Amato a due anni dalla morte

Siamo giunti al secondo anniversario di quel 4 ottobre 2015 che ammutolì i nostri cuori: l’improvvisa morte di don Mimmo Amato. La vita personale ed ecclesiale è andata avanti, ma non si può dimenticare il volto, la parola, il pensiero, l’opera di una persona speciale della quale avvertiamo forte l’assenza.
Don Mimmo ha espresso una multiforme competenza umana e sacerdotale riconosciuta dai Vescovi che con piena fiducia gli hanno affidato incarichi di rilievo, dei quali richiamiamo i più rilevanti.
Ordinato da Mons. Antonio Bello il 18 maggio 1985, fu da lui nominato viceparroco alla Concattedrale di Terlizzi e poi rettore del Seminario diocesano; assistente diocesano del settore giovani di AC e assistente nazionale del Movimento studenti di AC. Mons. Donato Negro gli affidò la direzione di Luce e Vita, che guidò per 17 anni, e lo nominò parroco alla Madonna della Pace. Mons. Luigi Martella gli affidò il delicato compito di vicepostulatore della causa di Canonizzazione di don Tonino Bello, poi di vicario generale. A livello di Metropolia, Mons. Francesco Cacucci lo chiamò alla direzione dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Bari.
Tanti altri i ruoli a livello di Curia e come Assistente in Confraternite e Associazioni, nonché nella docenza di teologia.
Il Vescovo Mons.Domenico Cornacchia, che lo aveva conosciuto da molti anni, così lo ringraziava, ad un anno dalla morte: «Grazie don Mimmo per la tua umanità, vero sacramento-segno dell’amore di Gesù tra noi; per la tua preparazione e profondità intellettuale e teologica; per la tua simpatia, per il tuo umorismo, per la parola giusta, incoraggiante e luminosa. Da te, caro don Mimmo, abbiamo imparato la coerenza, la fedeltà e la fiducia nella Chiesa. Tu non amavi le mezze misure!»

Era un punto di riferimento per tutti quale elemento di mediazione tra i sacerdoti e tra i laici.

Per ricordarlo ancora e pregare in suo suffragio mercoledì 4 ottobre, alle ore 18,30 presso la parrocchia Madonna della Pace, S.E. Mons. Felice di Molfetta presiederà la celebrazione eucaristica. Luce e Vita ha pubblicato, domenica 1 ottobre, una sua relazione su don Tonino e i giovani, quale contributo di riflessione in questo anno di preparazione al Sinodo dei Giovani. L’Ufficio Comunicazioni sociali pubblica on line, sul sito e sui canali diocesani, un breve video e la playlist “Mons. Domenico Amato”.


a cura di Luigi Sparapano

© Luce e Vita