Luce e Vita - politica

Mi vergogno di essere italiano

Approvato il disumano decreto sicurezzabis

(Foto: Avvenire)

La discesa verso il degrado dei valori costituzionali ed evangelici è diventata più viscida e ripida in Italia dopo l’approvazione del decreto sicurezzabis. L’incapacità di affrontare un fenomeno epocale, che abbisogna di grandi vedute e strategie, risolve nella strategia più facile, quella degna di un bar o di un ombrellone, non di un Parlamento. Eppure in Parlamento è stato votato il decreto, democraticamente, che lascerà scomparire in mare chi, illudendosi di scappare dal buio della disperazione, anneghera’ o sarà respinto nella notte della civiltà.
«Oggi il grado di umanità del nostro Paese si è corrotto. La politica ha tradito la Costituzione, i sogni e gli ideali di chi l’ha pensata e scritta e delle convenzioni internazionali». Don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele interviene sulla conversione in legge del decreto sicurezzabis, sottolineando che «siamo davanti ad una scelta politica indegna per un Paese che vuole essere democratico e civile non solo di nome, ma di fatto. La politica si lasci guidare dai bisogni delle persone».
Io mi vergogno di essere italiano. In quanto cristiano auspico che si levi un grido forte della comunità cristiana e dei suoi Pastori per dichiarare apertamente la non compatibilità di tali leggi con i valori evangelici.
Maria, donna accogliente, indebitamente chiamata alla complicità della nostra disumanità, perdoni la nostra stupidità e scuota i nostri cuori e i nostri cervelli.

La redazione di Luce e Vita