Tag: libera

Libera e Avviso Pubblico

 A ricordare e riveder le stelle – cultura e memoria – XXVI Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

20-21 marzo 2021

libera

A Molfetta, diretta sul nuovo canale YouTube Presidio Libera Molfetta e sull’omonima pagina facebook di un video dedicato alle vittime innocenti delle mafie. Deposizione di un fiore nel luogo dell’omicidio di Gianni Carnicella. Varie le iniziative nelle scuole superiori, anche se in DDI

Luce e Vita - Attualità

Il presidio di Libera Molfetta circa le indagini sugli appalti

Comunicato del 7novembre 2020

Il Presidio di Libera “G. Carnicella” segue con preoccupazione e attenzione l’avvio delle indagini sugli appalti che sta interessando la Città di Molfetta, dopo la recente notifica dei 23 avvisi di garanzia da parte del Gruppo Barletta della Guardia di Finanza.

Terlizzi

Libera Terlizzi ricorda l’autobomba esplosa dinanzi al Comune

7 maggio 2020

Esattamente ventisette anni fa, una Fiat Regata rubata esplose alle ore 8.03 davanti al Palazzo di Città, in piazza IV Novembre, causando il ferimento del vigile Gioacchino De Sario che, insospettitosi, aveva provato ad aprire il veicolo, e travolgendo anche due adolescenti, condotti poi in ospedale in evidente stato di choc.

Attualità

Libera Terlizzi: un fash mob casalingo per il 25 aprile

alle ore 15 del 25 aprile

libera terlizzi

Data l’impossibilità di organizzare manifestazioni di piazza, per via delle misure di distanziamento sociale in atto, come presidio terlizzese di Libera e sezione locale dell’ANPl, in linea con l’iniziativa lanciata dall’ANPI nazionale, ci associamo al flash mob casalingo volto a tenere viva la Memoria di quanti si sono battuti durante il secondo conflitto mondiale per proteggere gli ideali di libertà e solidarietà.

E!state Liberi. Iniziati i campi di impegno e formazione di LIBERA anche in Puglia

Da giugno a ottobre in tutta Italia, da luglio a settembre in Puglia

Con LIBERA, un’estate diversa. I campi di impegno e formazione sui beni confiscati alle mafie sono un’esperienza nei terreni e nelle proprietà un tempo dei boss, oggi riutilizzati per finalità sociali da associazioni e cooperative, e una proposta per mettersi in gioco, partecipare e approfondire.